Resoconto elezioni a Rodengo-Saiano

A quasi un mese dal voto e a seguito di una serie di ponderate riflessioni, a nome di tutta la sezione franciacortina del movimento quale candidato sindaco ritengo opportuno esporre alcune considerazioni in merito alla nostra partecipazione alle Elezioni Amministrative tenutesi a Rodengo-Saiano.

Ci tengo a distinguere fin da subito due aspetti, da un lato il risultato elettorale di per sé e dall’alto le implicazioni politiche della nostra scesa in campo.

Non sarei sincero con me stesso se dicessi di essere soddisfatto del risultato ottenuto. Mentre ci preparavamo per questa campagna elettorale, abbiamo sempre mantenuto i piedi per terra e sulla base delle nostre valutazioni non pensavamo certo di raccogliere un numero straordinario di voti. Si era previsto di arrivare ultimi, si era previsto di non riuscire a fare chissà quale exploit. I cittadini di Rodengo-Saiano ci hanno conferito 73 preferenze totali, pari a 1,37% degli elettori votanti. In tutta onestà speravamo di raggiungere una percentuale compresa tra il 2% e il 3%, analogamente a quanto avvenuto due anni fa a Gussago. Così non è stato per una serie di motivi, due in particolare.

In primo luogo, occorre dire che l’alto numero di liste (otto in totale) ci ha danneggiato in modo considerevole. I cittadini rodenghesi, già di per sé disaffezionati alla politica, travolti da volantini e programmi elettorali, sfiaccati da fuoriusciti di varie liste che si denigravano a vicenda, non hanno avuto né la voglia, né l’occasione di approfondire il messaggio indipendentista e hanno di fatto preferito concentrare il voto verso chi aveva già governato, verso volti noti. La nostra lista era l’unica che si presentava per la prima volta sul territorio, non solo come simbolo, ma anche come persone: nessuno di noi, tra candidati consiglieri e collaboratori di lista, aveva mai partecipato direttamente alla vita politica e istituzionale del paese. Ciò nonostante, sono convinto che abbiamo lavorato più che bene: affidandoci unicamente alle nostre forze, abbiamo distribuito oltre 15.000 volantini, abbiamo organizzato una presentazione pubblica, da fine novembre dell’anno passato abbiamo allestito quasi ogni fine settimana uno o due gazebo informativi sul territorio. E tutto questo senza perdere di vista gli obiettivi e gli impegni di pro Lombardia che, ricordo, interessano tutta l’area regionale. Nessuno di esterno al movimento ci ha finanziato, nessuno ci ha imposto vincoli di natura politica. Eravamo, siamo e restiamo indipendentisti lombardi.

L’altro motivo dello scarso risultato è attribuibile a una lista priva di candidati di una certa notorietà. Per nostra scelta, fin dal principio abbiamo cercato di formare un gruppo che avesse un legame con Rodengo-Saiano con persone che a Rodengo ci vivono da anni, ci hanno vissuto, ci lavorano o vi hanno legami familiari forti. Liste comunali raffazzonate composte da uomini o donne che non hanno nulla a che vedere con il paese, create con l’unico intento di apparire sui giornali, di avere un’effimera eco mediatica non sono nel nostro stile, né mai lo saranno. Lasciamo volentieri ad altri questo genere d’insolenza. Non vediamo come una lista siffatta possa dare un contributo concreto e utile a una comunità, né tantomeno contribuire alla crescita di un ideale. Il compito non è stato certo facile. Riuscire in pochi mesi quasi dal nulla a unire più persone che al tempo stesso condividessero un programma politico, avessero un legame col territorio, fossero disposte a impegnarsi in modo attivo in una campagna elettorale, non è stata cosa da poco, ma ce l’abbiamo fatta e ne siamo fieri. Se come pro Lombardia non scendevamo in campo a Rodengo-Saiano, sul suolo lombardo non si sarebbe fatta sentire la presenza di un autentico indipendentismo.

Le difficoltà per un movimento come il nostro sono e saranno ancora tante. La nostra presenza nel Comune di Rodengo-Saiano non mancherà. Già sabato 14 giugno abbiamo allestito un nuovo gazebo in paese e l’interesse da parte di alcuni cittadini si è fatta sentire, non importa in che misura o con che grado di entusiasmo, basta che ci sia.

Un ringraziamento alle 73 persone che ci hanno dato fiducia, un ringraziamento a tutti coloro che si sono attivati per la campagna elettorale.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...